Nota esplicativa degli Orientamenti
n. 6

Per quanto attiene all’appartenenza al Movimento si può scegliere se seguirne, senza particolare impegno, la spiritualità e le iniziative in qualità di Simpatizzanti SI.

Invece, se ci si accorge che il Signore chiama a vivere la fede secondo il carisma fondante e fondamentale del Movimento (l’impegno cioè di vivere lo spirito delle beatitudini, la partecipazione ai sacramenti, l’obbedienza alla parola di Dio e al magistero della Chiesa), il cammino che porta ad essere Membro effettivo si articola in tre anni con la seguente modalità:

# dopo il primo anno di frequenza alla vita del Movimento il Responsabile, sentito il parere del Consiglio e dell’Assistente Spirituale, durante un ritiro annuale o gli Esercizi Spirituali annuali, presenterà il candidato al sacerdote che in quel momento guida le catechesi perché, dopo il rinnovo pubblico delle promesse battesimali, sia accolto come Aspirante SI ;

# dopo il secondo anno di frequenza alla vita del Movimento il Responsabile, sentito il parere del Consiglio e dell’Assistente Spirituale, durante un ritiro annuale o gli Esercizi Spirituali annuali, presenterà il candidato al sacerdote che in quel momento guida le catechesi perché, dopo la recita pubblica del Credo-Simbolo apostolico, sia accolto come Aderente SI ;

# infine, dopo il terzo anno di frequenza alla vita del Movimento il Responsabile, sentito il parere del Consiglio e dell’Assistente Spirituale, durante un ritiro annuale o gli Esercizi Spirituali annuali, presenterà il candidato al sacerdote che in quel momento guida le catechesi perché, dopo il rinnovo pubblico della fede tramite la recita della Professio Fidei della Chiesa Cattolica 19 sia accolto come Membro effettivo SI.

Al riguardo si specifica che quando un candidato laico dimostri maturità di formazione, il Responsabile del Movimento, d’intesa con l’Assistente spirituale e con il Consiglio, può abbreviare il percorso del candidato per la professione in uno dei tre livelli di appartenenza al Movimento.

Nel caso in cui sia un sacerdote o un religioso/a a chiedere di far parte del Movimento questi, proprio per il suo status canonico, è ammesso subito alla professione di Membro effettivo.

Far parte del Movimento é scelta assolutamente libera e personale, mai imposta né sollecitata; parimenti è riconosciuta a chiunque la facoltà e la libertà di uscirne in qualunque momento e senza alcuna formalità.

______________________________
 19 Cf Congregazione per la Dottrina della Fede, Testi del magistero sulla «Professio Fidei»», Città del Vaticano 1998.
 20 Restano ferme le condizioni al punto 5, nota 18.